Italien

Tunisia: Ennahdha, contraddizioni e ambiguità del partito favorito alle elezioni

Tunisia: Ennahdha, contraddizioni e ambiguità del partito favorito alle elezioni

Patrizia Mancini Le elezioni per l’assemblea costituente in Tunisia si terranno il 23 ottobre 2011. Al momento Ennahda sembra essere favorito, anche se appare ridimensionato in confronto alle stime di qualche mese fa. A luglio, secondo un sondaggio dell’Istituto 3C Études il 67% dei tunisini sarebbe incerto su quale partito votare, mentre del 33% che dichiara la propria intenzione di voto, il 14% voterà Ennahda. Questo partito è […]

by · 20 agosto 2011 · Analyses, Italien, Langues, Politique
Kef Aabed,Tunisia: dalla parte dei vinti

Kef Aabed,Tunisia: dalla parte dei vinti

Patrizia Mancini Kef Aabed, a quaranta chilometri da Bizerte, verso Sajnen: per arrivare sulla meravigliosa spiaggia pressoché incontaminata, bisogna avventurarsi su una pista semi sabbiosa che attraversa una lussureggiante foresta di pini. E’ qui che vivono circa un migliaio di famiglie. Ed è qui che un paio di settimane fa abbiamo incrociato le loro dolorose storie di miseria, di emarginazione e […]

TUNISIA, RICOMINCIA LA RIVOLUZIONE (Mario Sei)

TUNISIA, RICOMINCIA LA RIVOLUZIONE (Mario Sei)

  In Tunisia la rivoluzione non è mai stata festeggiata perché tutti sapevano che la fuga di Ben Ali non significava la fine del regime. Senza mai sfociare in grandi violenze e con momenti di maggiore calma, il movimento di rivolta è sempre continuato. Ancora una volta su pressione della folla e in particolare di una nuova occupazione della Kasba, […]

by · 9 marzo 2011 · Documents, Italien, Langues, Mémoire du 14
LA RIVOLUZIONE IN TUNISIA: UNA STORIA REALE O VIRTUALE ?

LA RIVOLUZIONE IN TUNISIA: UNA STORIA REALE O VIRTUALE ?

Mario Sei Era il 6 ottobre 1999 quando, davanti alla Commissione Stragi del Parlamento, Fulvio Martini, per sette anni a capo del SISMI, racconta con orgoglio, naturalmente senza spiegarne i dettagli, che il colpo di stato del 1987 per mettere al posto di Bourghiba il generale Zin Abidine Ben Ali fu soprattutto opera dei servizi segreti italiani e di due […]

by · 9 febbraio 2011 · Documents, Italien, Langues, Mémoire du 14

Dégage ya khemmaj! (Gabriele Del Grande)

Il Cairo brucia. Le ultime notizie fanno rabbrividire. Decine e decine di morti uccisi dai cecchini della polizia appostati sui tetti intorno ai palazzi del potere. Il ministero dell’interno, le sedi del partito di Mubarak, la televisione nazionale. I medici sono stati chiari, la polizia colpisce per uccidere. Ormai è un massacro. Che ricorda molto quanto accaduto a Tunisi nella […]

No voi andare Italia in barca (Gabriele Del Grande)

No voi andare Italia in barca (Gabriele Del Grande)

La foto è di Ainara Makalilo. Su Rebelion potete vedere gli altri suoi scatti e leggere la preziosa analisi di Alma Allende, in spagnolo. L’ha scattata martedì nella piazza della kasbah di Tunisi, dove da ormai cinque giorni, ventiquattr’ore su ventiquattro, i giovani delle regioni più povere del paese presidiano la sede del governo per chiedere le dimissioni degli uomini vicini al […]

Fahim Boukaddous. Un gramsciano a Tunisi (Gabriele Del Grande)

Fahim Boukaddous. Un gramsciano a Tunisi (Gabriele Del Grande)

Mentre in Tunisia la rivolta popolare ha ottenuto un secondo risultato dopo la fuga di Ben Ali, ovvero la rimozione dei ministri del partito del regime dal governo transitorio, in Italia il vice sindaco di Milano già grida all’invasione degli 11.000 detenuti fuggiti dalle carceri di Ben Ali. E allora visto che stamattina a Tunisi ho avuto il piacere di fare colazione con […]

A Tunisi con i ragazzi della rivoluzione (Gabriele Del Grande)

A Tunisi con i ragazzi della rivoluzione (Gabriele Del Grande)

TUNISI –  Con la rivoluzione che va avanti da un mese, Haydra Ali forse si giocherà l’anno scolastico. Ma un diploma in informatica glielo dovrebbero dare honoris causa. Nel telefonino ha ancora salvati i video degli scontri con la polizia di due settimane fa a Qasserine. Mi mostra le ultime immagini di Mohammed Khadraoui, un suo compagno dell’ultimo anno del […]

Tunisi liberata: di nuovo in piazza per la libertà (Gabriele Del Grande)

Tunisi liberata: di nuovo in piazza per la libertà (Gabriele Del Grande)

TUNISI – “Peggio della dittatura c’è solo la morte. Ma quella l’abbiamo già conosciuta e non ci fa più paura, adesso vogliamo la libertà, non possiamo accettare di essere governati dai complici di chi ha assassinato i martiri della nostra rivoluzione”. Salim stringe tra le mani un pannello di legno su cui è incollata la foto del suo vicino di […]

Tunisia: naufragio a Metline, un morto Gabriele Del Grande)

Tunisia: naufragio a Metline, un morto Gabriele Del Grande)

Ho appena riagganciato il telefono con il professor Jaafar, che da Metline – una cittadina di 8.000 abitanti tra Bizerte e Cap Bon, dirimpetto alla costa trapanese – ha seguito tutta la vicenda. Le barche erano tre ed erano partite la notte di sabato scorso. I ragazzi hanno approfittato dello stato di anarchia in cui versa il paese, dopo la fuga del […]